Eduardo – Nfunno

Eduardo
Nfunno

Vulesse cammenà pè sottoterra
striscianno cumm’ ‘a vverme
int’ ‘o turreno
zucanno ‘o grasso ca scenness’ ‘a coppa
e me facesse chiatto
tunno e forte.
scennesse cchiú sotto
e me mpizzasse
sotto
sempe cchiú sotto
sotto
nfunno
fino a quanno truvasse
l’ummetore
ca me dicesse:
sotto ce sta ll’acqua.
E quanno ce arrivasse
dint’ a ll’acqua
me ce menasse ‘a rinto cumm’a pesce,
cumm’a pesce cecato
e me magnasse
‘e pesce piccerille ca truvasse
senza manco ‘e verè.
che facesse?
Roppo
me menasse sempe cchiú sotto
anzino ca sentesse
‘a puzz’ ‘e zurfo
e finalmente ‘o ffuoco!
Me ce menasse ‘a rinto
e me sperdesse
vulanno
e zumpettíanno
ncopp’ ‘e ffiamme
e ce campasse,
gnorsí,
cumm’a diavule!

1974•

Note
nfunno: in fondo; zucanno: succhiando; ‘a coppa: da sopra; chiatto: grasso; tunno: tondo;
mpizzasse: insinuerei; ummetore: umidità; rinto: dentro; cecato: cieco; ‘e verè: vederti;
roppo: dopo; anzino: finché; zurfo: zolfo; zumpettianno: saltellando.
Annunci