Ignazio Buttitta – Si mori dui voti

Ignazio Buttitta
Si mori dui voti (Si muore due volte)
Le parole buone
care e umane
costano niente
e non so perché
gli uomini le risparmiano.
Le parole di conforto
che medicano il dolore,
e dànno tempo al cuore di calmarsi
e alla mente di riposare,
cagliano nelle bocche
e l’inghiottiamo amare.
La bontà,
che fa giorno sui volti
e pitta arcobaleni
nel cielo degli occhi,
la nascondiamo nelle nubi
prima di nascere.
E ne abbiamo bisogno
io e voi
che credete il poeta
un accattone di stracci;
mentre cuce mantelli celesti
con le mani di madre
per riscaldare il mondo.
Tutti ne abbiamo bisogno
come la terra malata
che implora l’acqua
con la gola secca:
come il cielo
che mostra la faccia lavata
e distende lenzuola
se il vento dissemina le nubi.
Ed è inutile stringere i denti
e irrigidire le braccia;
il maroso sale lo stesso,
rovescia le onde,
sbatte sugli scogli del petto.
Basta uno sguardo
talvolta,
una magia degli occhi,
una sboccata del cuore
per risuscitare un morto che piange.
gli uomini lo sanno,
sanno parlare
con il cuore negli occhi
e non lo fanno:
li usano per ingannare,
per covare odio,
per piantare forche.
Parlo con il cuore gravido
e con la paura che si sgravi
delle mie doglie di perseguitato,
di diavolo in chiesa,
di agnello scannato;
di unghiate
nelle carni tenere di fanciullo
e rugose d’oggi:
il fiele mi sale in bocca!
Ed è per tanta amarezza
se so solo piangere e stracciare
questi fogli di carta
che sono bianchi
e mi sembrano neri:
se cerco consolazione
in un uccello che canta,
(povero Saba!)
in un cane che mi aspetta;
in una parola d’amore
rubata al vento,
caduta dal cielo,
pescata nel fondo del mare.
Non mi dite
che tutto è perduto,
vi prego:
si muore due volte.
Aspettate domani,
domani,
ogni giorno, domani!

*

Si mori dui voti
Li paroli boni
cari e umani
custanu nenti
e non sacciu pirchì
l’omini li sparagnanu.
Li paroli di cunfortu
ca medicanu u duluri,
e dunanu tempu o cori d’abbacari
e a menti di ripusari,
nni quagghianu nte vucchi
e nn’agghiuttemu amari.
La buntà,
c’agghiorna i facci
e pitta arcubaleni
nto celu di l’occhi,
l’ammucciamu nte negghi
prima di nasciri.
E nn’avemu bisognu
io e vuàtri
ca criditi u pueta
un dumanneri di pezzi vecchi;
mentri cusi mantelli cilesti
chi manu di matti
pi quadiari u munnu.
Tutti nn’ avemu bisognu,
comu a terra malata
c’addimanna acqua
cu a gula sicca:
comu u celu
c’ammustra a facci lavata
e stenni linzola
si lu ventu stramina li negghi
Ed è inutili strinciri i denti
e attirantari li vrazza;
u marusu acchiana u stissu,
arrivota l’unni,
sbatti nte scogghi du pettu.
Basta na taliata
a li voti,
na magia di l’occhi,
na sbuccata du cori
p’arrivisciri un mortu chi chianci.
L’omini u sannu,
sannu parrari
cu cori nta l’occhi
e non lu fannu:
l’usanu pi ngannari,
pi cuvari odiu,
pi chiantari furchi.
Parru cu cori prenu
e cu scantu chi sgravassi
i me dogghi di pirsiguitatu,
di diavulu nta chesa,
d’agneddu scannatu;
di ugnati
nte carni tenniri di picciriddu
ed arrappati d’oggi:
u feli m’acchiana a vucca!
Ed è pi tantu disfiziu
si sacciu sulu chianciri e sfardari
sti fogghi di carta
ca sunnu bianchi
e mi pàrinu nìvuri;
si cercu cunsolu
nta n’aceddu chi canta,
(poviru Saba!)
nta un cani chi m’aspetta;
nta na parola d: amuri
rubata o ventu,
caduta du celu,
piscata nto funnu du mari.
Non mi diciti
chi tuttu è pirdutu,
vi pregu;
si mori dui voti.
Aspittati dumani,
dumani,
ogni ghiornu, dumani!

Annunci