Eduardo – Poesie

 

Poesie

 

clip_image001

 

Io sarò al Senato quello che sono stato sia nella vita, sia nelle commedie.
È per quello che ho scritto che mi lusingo
abbiano voluto compensarmi con la nomina a senatore.
Quindi lo sapevano e lo sanno che io sono per il popolo

 

Eduardo

 

Pubblicheremo una serie
di poesie di Eduardo

 

Penziere mieje…

 

Penziere mieje, levàteve sti panne,
stracciàtev’ ‘a cammisa, e ascite annuro.
Si nun tenite n’abito sicuro,
tanta vestite che n’avit’ ‘a fa?

 

Menàteve spugliate mmiez’ ‘a via,
e si facite folla, cammenate.
Si sentite strillà, nun ve fermate:
nu penziero spugliate ‘a folla fa.

 

Currite ncopp’ ‘a ciurma ‘e na muntagna,
e quanno ‘e piede se sò cunzumate:
un’ànema e curaggio, e ve menate…
nzerranno ll’uocchie, primm’ ‘e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.
Ce sta sempe nu tizio canusciuto,
ca nun ‘o ddice… ca rimmane muto…
e ca ve veste, primm’ ‘e v’atterrà.

 

1948.

 

note
annuro: nudi;
atterrà: sotterrare.
Annunci