Archivi categoria: Austria

Zanus Zachenburg – Infanzia miserabile

Zanus Zachenburg
Infanzia miserabile

 

Infanzia miserabile, catena
che ti lega al nemico e alla forca.
Miserabile infanzia, che dentro il suo squallore
già distingue il bene e il male.
Laggiù dove l’infanzia dolcemente riposa
nelle piccole aiuole di un parco
laggiù, in quella casa, qualcosa si è spezzato
quando su me è caduto il disprezzo:
laggiù, nei giardini o nei fiori
o sul seno materno,
dove io sono nato per piangere…
Alla luce di una candela m’addormento
forse per capire un giorno
che io ero una ben piccola cosa,
piccola come il coro dei 30.000,
come la loro vita che dorme
laggiù nei campi,
che dorme e si sveglierà,
aprirà gli occhi
e per non vedere troppo
si lascerà riprendere dal sonno.

Rainer Maria Rilke. – Tacito amico delle molte lontananze, senti

Rainer Maria Rilke.

Tacito amico delle molte lontananze, senti

Tacito amico delle molte lontananze, senti
come lo spazio accresci ad ogni tuo respiro.
Con le fosche campane nella cella oscillando
rintocca anche tu. Ciò che ti consuma

diverrà forza grazie a questo cibo.
Tu entra ed esci dalla metamorfosi.
Qual è la tua esperienza che più duole?
Se t’è amaro il bere, fatti vino.

In questa notte in cui tutto trabocca
sii magica virtù all’incrocio dei tuoi sensi,
dei loro strani incontri sii tu il senso.

E se il mondo ti avrà dimenticato,
dì alla terra immobile: Io scorro.
All’acqua rapida ripeti: Io sono.

Rainer Maria Rilke – Sei il futuro, Tu

Rainer Maria Rilke
Sei il futuro, Tu
Sei il futuro, Tu, il rosso immenso del mattino

sulle pianure dell’eternità.

Sei il canto del gallo, Tu, dopo la notte del tempo,

la rugiada, Tu, sei la preghiera del mattino
e la fanciulla, lo straniero, la madre e la morte.

Sei la forma che trasmigra,

che sola, sempre, si leva dal destino,
che non riceve festa, nè compianto,
come un bosco selvaggio mai descritta.

Sei l’essenza profonda delle cose

che di se stessa tace l’ultima parola
e sempre altra si offre ad ogni altro;
alla nave, come costa; alla terra, come nave.

Ernest Jandl – Sentenza

Ernest Jandl
Sentenza

le poesie di quest’uomo non servono a niente

innanzi tutto
ne strofinai una sulla pelata.
inutilmente. non favorì la crescita dei capelli.
dopo
ne passai una sui miei foruncoli. questi
nel giro di due giorni acquistarono la grandezza di patate medie.
i medici sbalordirono.
dopone cucinai due in padella.un po’ scettico,
non ne mangiai lo stesso.
ne morì il mio cane.
dopo
ne utilizzai una come preservativo.
pagai l’aborto.
dopo
ne appiccicai una sull’occhio
ed entrai in un club elegante
il portiere
mi fece uno sgambetto e caddi.
dopo
pronunciai la suddetta sentenza.

Erich Fried – Ultima lettera a Boston

Erich Fried
Ultima lettera a Boston

Se io so
che non so più
perché combatto qui
per me continuare a combattere è
forse non senza senso
ma
allora so che il senso
se ancora ha senso
potrei trovarlo solo
continuando a combattere

Se io
non voglio sapere
che so
che non so più
perché combatto
per me continuare a combattere è sensato solo
per il mio non-voler-sapere
tuttavia questo combattere
combatte anche contro la richiesta
d’un suo senso

Se io più non
voglio continuare a combattere
so di credere
che non posso sapere
se continuare a combattere ha ancora senso
mentre il mio non-credere
nel poter-sapere il senso
diviene credere
nel sapere
il non-senso

Se io non voglio più
e non posso volere
se io voglio sapere
o voglio credere
che so
di non poter credere e sapere più niente
si continua sempre a combattere
con o senza senso
con o senza credere
e potere e sapere e volere

Fritz Böda-Löhner – La canzone di Buchenwald

Fritz Böda-Löhner

La canzone di Buchenwald

 

Quando il giorno si desta,
prima che il sole rida,
le colonne si dirigono
alla fatica del giorno
nel mattino che spunta.
E la foresta è nera e il cielo rosso
E noi portiamo nel tascapane un pezzetto di pane
E nel cuore, nel cuore le pene.
O Buchenwald non ti posso dimenticare
perché Tu sei il mio destino.
Chi ti abbandona, lui solo può aver la misura
di quanto è meravigliosa la libertà!
O Buchenwald non ci dogliamo e lamentiamo,
E quale che sia il nostro destino,
ciononostante vogliamo dire sì alla vita,
perché prima o poi verrà il giorno, allora saremo liberi!
Vogliamo dire sì! alla vita,
perché prima o poi verrà il giorno: allora saremo liberi!
E la notte è bollente e la bimba lontana,
e il vento canta piano, e io le voglio così bene
se solo restasse fedele, sì fedele!
E le pietre son dure, ma il nostro passo è deciso
E portiamo vanghe e picconi
e nel cuore, nel cuore l’amore.
O Buchenwald non ti posso dimenticare
perché Tu sei il mio destino.
Chi ti abbandona, lui solo può aver la misura
di quanto è meravigliosa la libertà!
O Buchenwald non ci dogliamo e lamentiamo,
E quale che sia il nostro destino,
ciononostante vogliamo dire sì alla vita,
perché prima o poi verrà il giorno, allora saremo liberi!
Vogliamo dire sì! alla vita,
perché prima o poi verrà il giorno: allora saremo liberi!
E il giorno è breve e la notte sì lunga,
tuttavia un canto risuona, ché la patria cantò:
il coraggio non ce lo facciamo rubare!
Tieni il passo, compagno e non perdere il coraggio,
perché la volontà di vivere portiamo nel sangue
e nel cuore, nel cuore la fede.
O Buchenwald non ti posso dimenticare
perché Tu sei il mio destino.
Chi ti abbandona, lui solo può aver la misura
di quanto è meravigliosa la libertà!
O Buchenwald non ci angosciamo e lamentiamo,
E quale che sia il nostro destino,
ciononostante vogliamo dire sì alla vita,
perché prima o poi verrà il giorno, allora saremo liberi!
Vogliamo dire sì! alla vita,
perché prima o poi verrà il giorno: allora saremo liberi!

Una grande parti di queste poesie sono tratte da un bellissimo
blog “Canzoni contro la guerra”

Canzoni contro la guerra

Ernst Jadl Visita

Ernst Jadl

visita

dottore io non potere smettere cacare
tu dare me medicina io smettere cacare

dottore io non potere smettere dire aia aia
tu dare me medicina io smettere dire aia aia

dottore io non potere smettere parlare in testa se volere dormire
tu dare me medicina io smettere parlare in testa se volere dormire

dottore io non potere smettere crepare
tu dare me medicina io crepare