Ignazio Buttitta – Sicilia lontana

Ignazio Buttitta

Sicilia lontana –
Come ti piango
ora che ti ho perso
Sicilia sfortunata
chè non posso venire
a vedere la gente
della mia terra;
e i cento paesi, e i mille giardini,
e gli occhi lucidi
della gioventù;
e le facce scavate
e nere di sole
dei vecchi giornalieri;
e gli occhi fondi,
e i capelli sciolti
di madri lacrimanti
sotto scialli neri
sulla soglia delle porte
che aspettano i figli.

Come ti piango
terra mia lontana:
spalanco gli occhi
e non ti vedo mai;
stringo le braccia
e non sei con me:
chiamo, ti chiamo,
e mi risponde solo
l’affanno amaro
di questo cuore rotto.

Canzoni di giovani
e carrettieri
per le strade;
caldo e polvere
alle siepi
e fichi d’India
con il fiocco in testa;
occhi rapiti
di ragazze vergini
tra foglie e rami
e canestri d’arance
e panieri d’uva
e brocche sulle spalle
e voci da lontano…
“Tu, con l’acqua!”
E fiori ai capelli
e vampe nel cielo
e Sicilia, Sicilia dappertutto.

Come ti piango  terra mia lontana.

Sicilia luntana

Comu ti chianciu
ora ca ti persi
Sicilia sfurtunata,
ca veniri nun pozzu
a vidiri la genti
di la me’ terra;
e li centu paisi,
e li milli jardini,
e l’occhi lustri
di la picciuttanza;
e li facci scavati
e nivuri di lu suli
di li vecchi jurnateri,
e l’occhi funni,
e li capiddi scioti
di lacrimanti matri
sutta nivuri scialli
all’antu di li porti
c’aspettanu li figghi.

Comu ti chianciu
terra mia luntana:
sbarracu l’occhi
e nun ti vidu mai;
strinciu li vrazza
e nun si cu mia;
chiamu, ti chiamu,
e mi rispunni sulu
l’affannu amaru
di ‘stu cori ruttu.

Canzuni di picciotti
e carrittera
pi li stratuna;
càudu e pruvulazzu
a li sipali
e ficudinnia
cu lu giummu ‘ntesta;
occhi arrubbati
di picciotti schetti
tra pampini e ramagghi,
e cannistri d’aranci
e panara di racina
e quartaruna ‘ncoddu
cu la guccia fridda,
e vuci di luntanu…
“A ttia cu l’acqua!”
E ciuri a li capiddi
e vampi nni lu celu
e Sicilia, Sicilia p’ogni banna.
Comu ti chianciu
terra mia luntana.

Annunci