Ignazio Buttitta – Littra a una mamma tedesca

Ignazio Buttitta

Littra a una mamma tedesca

Mamma tedesca,

ti scrive quel soldato italiano

che ti ha ucciso il figlio.

Maledetta quella notte

E le acque del Piave

E i cannoni e le bombe

E le luci che c’erano;

maledette le stelle

e le preghiere e le voci

e il pianto e i lamenti

e l’odio, maledetti!

Era così bello tuo figlio,

mamma tedesca,

lo vidi all’alba

con la faccia bianca

di bambino ancora addormentato.

Com’era bello tuo figlio:

sembrava che sopra quell’erba

l’avessero posato le tue mani.

Mamma tedesca,

io, l’assassino

che ti ha ucciso il figlio:

come posso dormire sogni sereni

come posso abbracciare i miei figli

come posso passare

in mezzo agli uomini buoni

senza essere scacciato,

e crocefisso al muro?

Mamma tedesca,

madri di tutto il mondo,

vi chiamo!

Ognuna,

la pietra più grossa

venisse a buttarla

sopra di me:

montagne di pietre,

montagne di pietre,

scacciate la guerra

 

Mamma tedesca,

ti scrivi ddu surdatu talianu

chi t’ammazzò lu figghiu.

Mmaliditta dda notti

e l’acqui di lu Piavi

e li cannuna e li bummi

e li luci chi c’eranu;

mmaliditti li stiddi

e li prigheri e li vuci

e lu chiantu e li lamenti

e l’odiu, mmaliditti!

Era accussì beddu tò figghiu,

mamma tedesca,

lu vitti all’alba

cu la facci bianca

di picciriddu ancora ddummisciutu.

Ch’era beddu tò figghiu:

paria ca supra dd’erba

l’avissuru pusatu li tò manu.

Mamma tedesca,

iu, l’assassinu

ca t’ammazai lu figghiu:

comu pozzu dòrmiri suonni sereni

comu pozzu abbrazzari li me figghi

comu pozzu passari

mmezzu a l’omini boni

senz’essiri assicutatu,

e crucifissu a lu muru?

Mamma tedesca,

matri di tuttu lu munnu,

vi chiamu!

Ognuna,

la petra cchiù grossa

vinissi a ghittalla

supra di mia:

muntagni di petra,

muntagni di petra,

scacciati la guerra.

Annunci