Ignazio Buttitta – A stragi da Purtedda

Ignazio Buttitta
A stragi da Purtedda
Nni lu Chianu da Purtedda
chiusu nmenzu a dui muntagni
c’è na petra supra l’erba
pi ricordu a li cumpagni.
All’additta nni sta petra
a lu tempu di li Fasci
un apostulu parrava
pi lu beni di cu nasci. (*)
E di tannu sinu ad ora
a Purtedda da Jnestra
quannu veni u Primu Maggiu
c’è u populu e fa festa.
Giulianu lu sapía
ch’era a festa di li poviri
na jurnata tuttasuli
doppu tantu tempu a chiòviri.
Cu ballava, cu cantava,
cu accordava li canzuni;
e li tavuli cunzati
di niciddi e di tirruni.
Zitu e zita cu la manu
nni la manu cu li caddi;
zitu e zita chi caminanu
e si strícanu li spaddi.
Ogni asta di bannera
era zappa vrazzu e manu,
e la terra siminata
era furnu pani e granu.
La speranza di un dumani
chi fa u munnu na famigghia
la vidíanu vicinu
e cuntavanu li mugghia.
L’oraturi di ddu jornu
era Jàpicu Schirò,
dissi, Viva U Primu Maggiu!
e la lingua ci siccò.
Di lu Muntu La Pizzuta
Giulianu e la so banna
non lintaru di sparari
e la straggi fu cunnanna.
A tappitu ed a vintagghiu
mitragghiavanu la genti
comu fàuci ca mètinu
cu li vampi nni li denti.
Scappa a fudda, spavintata,
nni lu chianu e grida, aiutu!,
e currennu jsa i vrazza
pi difisa comu scutu.
E li matri cu lu ciatu,
cu lu ciatu senza ciatu:
figghiu miu! e corpu e vrazza
comu ghiòmmaru aggrappatu.
Pi discriviri la scena
ci vurrissi un rumanzeri:
sta chitarra un sapi chiànciri,
mmalidittu stu misteri!
Doppu un quartu di ddu nfernu:
(vita morti e passioni)
li briganti si nni jeru
senza chiú munizioni.
Supra i preti e supra u sangu
ammazzati a tradimentu
arristaru vinti poviri
e firuti chiú di centu.
Supra i petri e nmenzu u sangu
figghi e matri addinucchiati
cu li lacrimi li facci
ci lavavanu a vasati.
Epifania Barbato
a lu figghiu mortu nterra
ci dicia: “A li poviri,
paru cca ci fannu guerra!”.
Margherita, la Clisceri,
ch’era dda cu cincu figghi
arristò ammazzata nterra,
e nno ventri u sestu figghiu.
Cu ddu jornu fu a Purtedda,
cu ci va doppu tant’anni,
vidi i morti caminari
caminari senza gammi.
Vivi ancora, ancora vivi;
e na vuci ncelu e nterra,
e na vuci ncelu e nterra:
oh giustizia, quannu arrivi?!
Maggio 1947
__________________________
Nota
(*) Era Nicola Barbato, presidente dei Fasci dei lavoratori siciliani (1892-1894).
__________________________
[Nella piana di Portella / chiusa in mezzo a due montagne / c’è una pietra sopra l’erba / per ricordo a noi compagni. // Alto sopra questa pietra / (era l’epoca dei Fasci) / un apostolo parlava / per il bene di chi nasce. // E da allora sino ad oggi / a Portella della Ginestra / quando viene il Primo Maggio / c’è il popolo e fa festa. // Giuliano lo sapeva / ch’era la festa dei poveri / una giornata tuttasole / dopo tanto tempo a piovere. // Chi cantava, chi ballava, / chi accordava le canzoni; / e sui banchi ben esposti / le nocciole ed il torrone. // Fidanzati con la mano /nella mano con i calli; / fidanzati che camminano / e si strusciano le spalle. // Ogni asta di bandiera / era zappa braccio e mano, / e la terra seminata / era forno pane e grano. // La speranza di un domani / che fa il mondo una famiglia / la vedevano vicina / e contavano le miglia. // L’oratore di quel giorno / era Giacomo Schirò; / disse: Viva Il Primo Maggio! / e la lingua gli seccò. // Su dal Monte La Pizzuta / Giuliano e la sua banda / seguitarono a sparare / e la strage fu condanna. // A tappeto ed a ventaglio / mitragliavano la gente / come falci messe a mietere / con le fiamme fra i denti. // Scappa la folla, spaventata, / nella pianura e grida, aiuto! / e fuggendo alza le braccia / per difesa come scudo. // E le madri con il fiato, / con il fiato senza fiato: / figlio mio! e corpo e braccia / un gomitolo annodato. // Per descrivere la scena / ci vorrebbe un romanziere: / questa chitarra non sa piangere, / maledetto il mio mestiere! // Durò un quarto quell’inferno: / (vita morte e passione) / poi i briganti se ne andarono / senza più munizioni. // Sulle pietre e sopra il sangue / ammazzati a tradimento / son rimasti venti poveri / e feriti più di cento. // Sulle pietre e in mezzo al sangue / figli e madri inginocchiati / con le lacrime le facce / gli lavavano baciandoli. // Epifania Barbato / al figliuolo morto in terra / gli diceva: “Ai poveri, / pure qui ci fanno guerra!” // Margherita, la Clisceri / ch’era lì con cinque figli / è rimasta morta a terra / e nel ventre il sesto figlio. // Chi quel giorno fu a Portella, / chi ci va dopo tant’anni, / vede i morti camminare / camminare senza gambe. // vivi ancora, ancora vivi; / e una voce in cielo e in terra, / e una voce in cielo e in terra: / oh giustizia, quando arrivi?!]

Annunci