Archivi categoria: Italia – Sonetti e Poesie

Babulco Arcade – In nome del Burchiello

Gianfruscolo Miliano
BUBULCO ARCADE

IN NOME DEL BURCHIELLO.

Per più Secoli già ramingo, e pazzo
Ho girato pel Mondo, e appena mezzo
Palesato mi son, che a pezzo, a pezzo
Molti sbranato m’han con gran strapazzo.

Un Fico Bitontone, e un Pagonazzo,
Perchè non m’hanno inteso, a mio disprezzo
Disser, ch’a far Sonetti i’ m’er’avvezzo
Gettati a caso, e coloriti a guazzo:

Ben mi difese un Fiorentin rubizzo
Con lingua d’oro, ma il mio corpo mozzo
Di nuovo in torbid’acque fè lo schizzo.

Oggi, mercè d’un Galantuom, dal pozzo
Di tanti error me n’esco, e in piè mi rizzo
Per gir tra i letterati a dar di cozzo:

Or c’ho pieno il barlozzo
De’ miei Sonetti, l’appetito aguzzo
A molti, e di vedermi entrano in ruzzo.

Mi troveranno al puzzo
Nei nascondigli, ov’il timor mi mette
Dei Zoccoli ridotti oggi a scarpette.

Gianfruscolo Miliano

Bubulco Arcade

IN NOME DEL BURCHIELLO.

Per più Secoli già ramingo, e pazzo
Ho girato pel Mondo, e appena mezzo
Palesato mi son, che a pezzo, a pezzo
Molti sbranato m’han con gran strapazzo.

Un Fico Bitontone, e un Pagonazzo,
Perchè non m’hanno inteso, a mio disprezzo
Disser, ch’a far Sonetti i’ m’er’avvezzo
Gettati a caso, e coloriti a guazzo:

Ben mi difese un Fiorentin rubizzo
Con lingua d’oro, ma il mio corpo mozzo
Di nuovo in torbid’acque fè lo schizzo.

Oggi, mercè d’un Galantuom, dal pozzo
Di tanti error me n’esco, e in piè mi rizzo
Per gir tra i letterati a dar di cozzo:

Or c’ho pieno il barlozzo
De’ miei Sonetti, l’appetito aguzzo
A molti, e di vedermi entrano in ruzzo.

Mi troveranno al puzzo
Nei nascondigli, ov’il timor mi mette
Dei Zoccoli ridotti oggi a scarpette.
Annunci

Mario Masini – Inquinamento e sommergibili

Mario Masini
INQUINAMENTO E SOMMERGIBILI
Bocca di pesce mortalmente apertanon si mostra soltanto nei mercati;
nel tempo nostro sopra alle rive:
tragica immagine del mondo stupido
che, come tale, giustamente muore.
I pescatori al fiume
diventano filosofi.E’ raro il trillo della campanella.Hanno più tempo adesso per pensare.
Per loro è un bene, forse.Ma a quelli al mare, che escono di nottecon i grossi maglioni e le calosce
e il vento nelle orecchie umido e freddo,
rimane solo il panequando ce l’hanno
e non si sdoppia come una volta fu.Con alito di termoconvettore
l’estate viene,il fazzoletto in mano, a tergere le frontidi sudori diversi.
Andremo a quello che ci rimaned’acqua salata, se si potrà.
E, dopo un anno di nere naricie pizzicore in gola,
il rischio è di ammalare
in questa parvenza di mare:scrigno svuotato di molte gemme,
brillanti squame.Ci stiamo regalando una paludepercorsa al fondo
da mille ocarine giganti
adatte a suonare soltanto
atomiche note di morte.

Mario Masini – Ho ritrovato i luoghi

Mario Masini

Ho ritrovato luoghi
dei quali la memoria
conservava un’idea così
fresca e presente
che i brividi di allora,
quando vi ripensavo,
mi correvano addosso.

Non li ricerco mai;

neppure le persone.
Furono belli o brutti
soltanto in quei momenti
e per me solamente.

Ci sono capitato;

perché il caso li giuoca
a volte questi tiri.

I brividi di allora

sono scomparsi a un tratto.
Il lavorio del tempo
ha cancellato troppo
di quanto ricordavo.

Rileggere il passato

con gli occhi della mente
per capire il presente.
Lo scorrere del tempo
su cose e su persone
è fuliggine antica
che nasconde i colori.

Mario Masini – In morte di Ungaretti

Mario Masini

In morte di Ungaretti

Da cima il monte

si guarderà al tuo fiume,
che rispecchiava gli occhi della cerva,
in mezzo a prati e massi andar correndo
perenne argento.
E nella valle,
presso le sue rive,
sopra una foglia forse calpestata,
in attesa dell’unica rugiada,
per poco brillerà l’argento
della mia traccia
di povera lumaca.

Marco Masini – Una Piazzetta di Orosei

Marco Masini

Una Piazzetta di Orosei

Fori di proiettili

in un muro
scorticato dal tempo.
Tre croci di legno
marcite.
Seduta di spalle a quelle,
all’ombra profumata
d’alberi di mimosa,
povera gente ignara
guardando il vuoto.

Neri Tanfucio – O prete vegetale,

Neri Tanfucio

O prete vegetale,
Negromante cipresso.
Sia ch’ io ti miri austero
Lanciar sdegnosa la tua cima accanto
Al salice del pianto
Nel cimitero;
O ch’ io ti vegga in lunghe file doppie,
Processionante immobile drappello
Di non feconde coppie,
Fiancheggiare i sentieri aridi e muti
Di pauroso castello;
Sia che l’astro del giorno
O la pallida luna
Trepida con un raggio ti saluti,
Spira sinistra un’ aura a te d’ intorno
Di misteriosa quiete,
Ch’ io penso: Ah! m’ ingannai, non v’ è lacuna;
Anco le piante han tra di loro il prete.
Mi è grata l’ ombra negli estivi ardori,
Ma per me l’ ombra tua non ha conforti:
Ella m’ affligge; ella è ombra pei morti.
Grata m’ è pur la vista
D’ erbe feraci e di leggiadri fiori:
Mai non ne vidi crescere al tuo piede,
O longevo egoista;
Presso a te non alligna
Che strisciante, clorotica gramigna.
Quando miro le selve ove, raccolti
In amica famiglia,
Giovani faggi, àlbatri e pioppi annosi
Veggo uniti intrecciarsi in amorosi
Nodi coi rami folti,
Penso: il Cipresso a quelli non somiglia!….
Tu perfino all’innesto,
Ribelle e ad ogni lieta compagnia,
Ipocrita funesto,
Solo, freddo, composto, minaccioso
Ombreggi cupo la deserta via.
Guai se uno stanco arbusto
Cerca fra i rami tuoi dolce riposo!
Tu non ti pieghi, accogli le sue fronde
Tra la tenebra fitta
Che la tua densa chioma a lui nasconde;
Non piangi e non sorridi,
Ma lento, inesorato,
Dopo una vita afflitta ,
Soffocato lo uccidi.
Va’, chè Drùida, Dervis, Bonzo o Fachiro,
Spandi un’ aura letale a un modo istesso,
O Prete vegetale,
Negromante Cipresso.
Firenze, 1875.

Pier Paolo Pasolini – Alla mia Nazione

Pier Paolo Pasolini

Alla mia Nazione

Non popolo arabo, non popolo balcanico, non popolo antico,
ma nazione vivente, ma nazione europea:
e cosa sei? Terra di infanti, affamati, corrotti,
governanti impiegati di agrari, prefetti codini,
avvocatucci unti di brillantina e i piedi sporchi,
funzionari liberali carogne come gli zii bigotti,
una caserma, un seminario, una spiaggia libera, un casino!
Milioni di piccoli borghesi come milioni di porci
pascolano sospingendosi sotto gli illesi palazzotti,
tra case coloniali scrostate ormai come chiese.
Proprio perché tu sei esistita, ora non esisti,
proprio perché fosti cosciente, sei incosciente.
E solo perché sei cattolica, non puoi pensare
che il tuo male è tutto male: colpa di ogni male.
Sprofonda in questo tuo bel mare, libera il mondo.