Archivi categoria: Italia – Lirica

Lucio Dalla – 4 Marzo 1943

Lucio Dalla
4 Marzo 1943

Dice che era un bell’uomo e veniva

Veniva dal mare
Parlava un’altra lingua
Però sapeva amare
E quel giorno lui prese a mia madre
Sopra un bel prato
L’ora più dolce prima di essere ammazzato

Così lei restò sola nella stanza

La stanza sul porto
Con l’unico vestito ogni giorno più corto
E benché non sapesse il nome
E neppure il paese
Mi aspettò come un dono d’amore fin dal primo mese

Compiva sedici anni quel giorno la mia mamma

Le strofe di taverna
Le cantò a ninna nanna
E stringendomi al petto che sapeva
Sapeva di mare
Giocava a fare la donna con il bimbo da fasciare

E forse fu per gioco o forse per amore

Che mi volle chiamare come nostro Signore
Della sua breve vita è il ricordo più grosso
È tutto in questo nome
Che io mi porto addosso

E ancora adesso che gioco a carte
E bevo vino

Per la gente del porto
Mi chiamo Gesù bambino
E ancora adesso che gioco a carte
E bevo vino
Per la gente del porto

Mi chiamo Gesù bambino

E ancora adesso che gioco a carte
E bevo vino
Per la gente del porto
Mi chiamo Gesù Bambino

Annunci

Fausto Leali – Angeli Neri

Fausto Leali

Angeli neri

Pittore ti voglio parlare

mentre dipingi un altare.

Io sono un povero negro

e d’una cosa ti prego.

 

Pur se la Vergine è bianca

fammi un angelo negro.

Tutti i bimbi vanno in cielo

anche se son solo negri.

 

Lo so, dipingi con amor.

Perché disprezzi il mio color?

Se vede bimbi negri

Iddio sorride a loro.

 

Non sono che un povero negro

ma nel Signore io credo

e so che tiene d’accanto

anche i negri che hanno pianto.

 

Lo so, dipingi con amor.

Perché disprezzi il mio color?

Se vede bimbi negri

Iddio sorride a loro.

Salvatore Di Giacomo – Era de maggio

clip_image002

Salvatore Di Giacomo
Era de maggio
Era de maggio e te cadeano nzino
a schiocche a schiocche li ccerase rosse,

fresca era ll’aria e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciente passe.

*
Era de maggio; io, no, nun me ne scordo,

na canzona cantàvemo a doie voce;
cchiù tiempo passa e cchiù me n’allicordo,
fresca era l’aria e la canzona doce.

*
E diceva: «Core, core!

core mio, luntano vaie;
tu me lasse e io conto ll’ore,
chi sa quanno turnarraie!»

*
Rispunneva io: «Turnarraggio

quanno tornano li rrose,
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stonco ccà».

*
E sò turnato, e mo, comm’ a na vota,

cantammo nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s’avota,
ma l’ammore vero, no, nun vota vico.

*
De te, bellezza mia, m’annammuraie,

si t’allicurde, nnanz’ a la funtana:
ll’acqua llà dinto nun se secca maie,
e ferita d’ammore nun se sana.

*
Nun se sana: ca sanata

si fosse, gioia mia,
mmiezzo a st’aria mbarzamata
a guardarte io nù starria!

E te dico: «Core, core!

core mio, turnato io sò,
torna a maggio e torna ammore,
fa de me chello che buò!».

Salvatore De Giacomo – Palomma ‘e notte

clip_image002

Salvatore De Giacomo
Palomma ‘e notte
I
Tiene mente ‘sta palomma
comme gira comm’a vota,
comme torna n’ata vota
‘sta ceroggena a tentà!
Palummè, chisto è nu lume
nun è rosa o giersumino…
e tu a fforza ccà vvicino
te vuò mettere a vulà!

Ritornello:
Vattenne ‘ a lloco!
Vattenne, pazzarella!
Va’, palummella – e torna,
e torna a st’aria
accussì fresca e bella!…
O bbì ca ‘i pure
mm’abbaglio chianu chiano,
e cca mm’abbruscio ‘a mano
pe’ te ne vulè caccia?…

II
Carulì, pe’ nu capriccio,
tu vuò fa’ scuntento a n’ato,
e po’ quanno l’he lassato
tu addu n’ato vuò vulà.
Troppe core stai strignenno
cu’ sti mmne piccerelle;
ma fernisce ca sti scelle
pure tu te può abbruscià!

Ritornello

III
Torna, va’ palomma ‘e notte
dint’a ll’ombra addò sì’ nata,
torna a st’aria ‘mbarzamata
ca te sape cunzulà.
Dint’o scuro, e pe ‘mme sulo,
‘sta cannela arde e se struie …
ma c’ardesse a tutt’e duie
nun ‘o ppozzo suppurtà!

Francesco Guccini – Incontro

Francesco Guccini
Incontro
E correndo mi incontrò lungo le scale, quasi nulla mi sembrò cambiato in lei,

la tristezza poi ci avvolse come miele per il tempo scivolato su noi due.
Il sole che calava già rosseggiava la città
già nostra e ora straniera e incredibile e fredda:
come un istante "deja vu", ombra della gioventù, ci circondava la nebbia…
*
Auto ferme ci guardavano in silenzio, vecchi muri proponevan nuovi eroi,
dieci anni da narrare l’uno all’ altro, ma le frasi rimanevan dentro in noi:
"cosa fai ora? Ti ricordi? Eran belli i nostri tempi,
ti ho scritto è un anno, mi han detto che eri ancor via".
E poi la cena a casa sua, la mia nuova cortesia, stoviglie color nostalgia…
*
E le frasi, quasi fossimo due vecchi, rincorrevan solo il tempo dietro a noi,
per la prima volta vidi quegli specchi, capii i quadri, i soprammobili ed i suoi.
I nostri miti morti ormai, la scoperta di Hemingway,
il sentirsi nuovi, le cose sognate e ora viste:
la mia America e la sua diventate nella via la nostra città tanto triste…
*
Carte e vento volan via nella stazione, freddo e luci accesi forse per noi lì
ed infine, in breve, la sua situazione uguale quasi a tanti nostri films:
come in un libro scritto male, lui s’ era ucciso per Natale,
ma il triste racconto sembrava assorbito dal buio:
povera amica che narravi dieci anni in poche frasi ed io i miei in un solo saluto…
*
E pensavo dondolato dal vagone "cara amica il tempo prende il tempo dà…
noi corriamo sempre in una direzione, ma qual sia e che senso abbia chi lo sa…
restano i sogni senza tempo, le impressioni di un momento,
le luci nel buio di case intraviste da un treno:
siamo qualcosa che non resta, frasi vuote nella testa e il cuore di simboli pieno…

Claudio Baglioni – Avrai

Claudio Baglioni

Avrai

Avrai sorrisi sul tuo viso come ad agosto grilli e stelle

storie fotografate dentro un album rilegato in pelle
tuoni d’aerei supersonici che fanno alzar la testa
e il buio all’alba che si fa d’argento alla finestra
*
Avrai un telefono vicino che vuol dire già aspettare
schiuma di cavalloni pazzi che s’inseguono nel mare
e pantaloni bianchi da tirare fuori che è già estate
un treno per l’America senza fermate.
*
Avrai due lacrime più dolci da seccare
un sole che si uccide e pescatori di telline
e neve di montagne e pioggia di colline
avrai un legnetto di cremino da succhiare
avrai una donna acerba e un giovane dolore
viali di foglie in fiamme ad incendiarti il cuore
avrai una sedia per posarti e ore
vuote come uova di cioccolato
ed un amico che ti avrà deluso, tradito, ingannato.
*
Avrai, avrai, avrai
il tuo tempo per andar lontano
camminerai dimenticando
ti fermerai sognando
avrai, avrai, avrai
la stessa mia triste speranza
e sentirai di non avere amato mai abbastanza
se amore, amore avrai
*
Avrai parole nuove da cercare quando viene sera
e cento ponti da passare e far suonare la ringhiera
la prima sigaretta che ti fuma in gola un po’ di tosse
Natale di agrifoglio e candeline rosse
*
Avrai un lavoro da sudare
mattini fradici di brividi e rugiada
giochi elettronici e sassi per la strada
avrai ricordi, ombrelli e chiavi da scordare
*
Avrai carezze per parlare con i cani
e sarà sempre di domenica domani
avrai discorsi chiusi dentro e mani
che frugano le tasche della vita
ed una radio per sentire che la guerra è finita
*
Avrai, avrai, avrai
il tuo tempo per andar lontano
camminerai dimenticando
ti fermerai sognando
avrai, avrai, avrai
la stessa mia triste speranza
e sentirai di non avere amato mai abbastanza
se amore, amore, amore, amore avrai

Lucio Battisti – La metro

Lucio Battisti

La metro

La metro dei riflessi,
gli sguardi verso il vetro,
gli appositi sostegni verticali,
le mani che fatali li discendono,
e quelli orizzontali, in alto i polsi e gli orologi
viaggiano da soli.
La metro, i seduti di fronte
sono semplicemente gli avanzati
dal viaggio precedente
che andava dove vanno
tutti i presentimenti, eccetera.
In un soffio di porta, fa’ l’ingresso
la bella incatenata a testa alta;
invece i viaggiatori
sono entrati
col capo chino, e l’umiltà dei frati.
Bella incatenata dai sui stessi ormeggi:
la cinghia della borsa,
e stringhe mosce,
e fasce di camoscio e stratagemmi
dei morbidi tormenti d’organzino.
Si fa la trigonometria,
nei finestrini corrispondenti agli occhi alessandrini,
di lei che guarda fissa
un suo sussulto fuso nel vetro,
che le ricorda tanto un suo sussulto.
La metro piomba nella galleria,
come un eccetera eccetera,
che continua tremante veranda di lettura,
da un attico mittente, tutta giù a fendente.
E più di tutti
i giornali e i giornaletti
ha successo una scritta:
In caso di necessità
rompere il vetro,
e tutti i trasgressori saranno
eccetera.
La metro si avvicina
alla stazione prossima e rallenta.
I posti a sedere,
ad occhio e croce:
diciamo trentasei;
le scale sono mobili,
ma le pareti no,
e fermi i corridoi;
la folla passa e sale.
La metro accelera,
eccetera, eccetera,
e puntini di sospensione.