Trilussa

clip_image002

 

clip_image004

 

La fine der Leone
Trilussa
Quando morì er Leone
un Sorcio letterato
per esser rimarcato
dar pubbrico bestione
montò sur cataletto
e improvvisò un sonetto
ch’aveva ricopiato
A tutti l’animali
je vene la malia
de ruppe li stivali
co’ quarche poesia
Er Ciuco solamente
guardava ‘stè bestiole
senza potè di’ gnente
Perche je chiese un Grillo –
resti così tranquillo?
Nemmeno sei capace
da faje un ritornello…
-Va’ via! lasciami in pace!
-rispose il Somarello
Io graziaddio, nun bazzico
quel monno letterario
che piange co’ le lacrime
spremute da un rimario
io no: so’ più modesto
senza cercar la rima
piango de core e resto
somaro come prima
clip_image006

 

L’Azzione
Un Somarello, appena ch’ebbe visto che in testa d’un corteo
C’era un Cavallo, fece succede un mezzo acciaccapisto
Perché co’ la speranza d’arrivallo
Scanzo la folla e ruppe i cordoni
A furia di zampate e di spintoni.
Lagente protestò – Che modo è questo
Fe fasse avanti? Brutto prepotente!
Co’ ‘sti sistemi, sfido! Se fa presto!
Er Somaro rispose – Certamente
Io m’aiuto a la mejo, mica è vero
Che mi posso fa’ largo còr Pensiero…

 

clip_image006[1]

 

La festa der Somaro
Le Capre compativeno il Somaro
Quanto devi patì co’ ‘sta capezza
-Mah! Fece lui-quann’uno ce s’avvezza
Finisce che je serve da riparo.
Eppoi, se domenica er padrone
Me porta in giro dove c’è la fiera,
co’ li pennacchi e co’ la sonagliera,
me scordo tutto. Che soddisfazione

 

clip_image004[1]
Er somaro filosofo
…Er vecchio Ciuccio che stracina er carico
Proprio nu’ ne po’ più
_ Come fatichi, povero Somaro!
-j’abbaia un Cane – E dove vai di bello?
-Devo portà’sta carta al salumaro
-risponne er Somarello
Sarà qualche quintale capirai
Se tratta della resa d’un giornale
-De quale? – Nu’ lo so ma pesa assai
Subbito il Cane intelliggente e pratico,
guarda er caretto e dice – Ho già capito
dev’esse l’Avvenire Democratico
che stampa i programmi der partito
Er Somaro cammina a testa bassa
Sotto le tortorate der padrone
Ogni botta che scegne sur groppone
La sente rintronà nella carcassa
E intanto pensa”La Democrazia
È stata sempre la rovina mia”
clip_image004[2]
La modestia der Somaro

 

-Quello che te fa danno e la modestia
-disse un Cavallo a un Ciuccio- ecco perché
Nun sei riuscito a diventà una bestia
Nobbile e generosa come me –
Er Ciuccio disse – Stupido che sei!
S’io ciavevo davero l’ambizzione
De fa’ carriera, a ‘stora già sarei
Ministro de la Pubbrica Istruzione!

 

clip_image004[3]

 

Er Somaro e er Leone

 

Un Somaro diceva:- Anticamente
Quanno non c’era la democrazzia
La classe nostra nun valeva gniente.
Mi’ nonno infatti, per avè raggione
Se copri co’ la pelle d’un Leone
E fu trattato rispettosamente
-So’ cambiati li tempi, amico caro
-fece el Leone – ormai la pelle mia
Nun serve più nemmeno da riparo.
Oggi purtroppo ho perso l’influenza
E ogni tanto so’ io che pe’ prudenza
Me copro co’ la pelle de Somaro!

 

clip_image004[4]
Er Porco e er Somaro
Una mattina un povero Somaro,
ner vedè un Porco amico annà ar macello
sbottò in un pianto e disse – Addio fratello
nun se vedremo più, non c’è riparo!
-Bisogna esse filosofo, bisogna
-je disse er Porco – via, nunfa’ lo scemo,
-che forse un giorno se ritroveremo
-in quarche mortadella de Bologna!

 

clip_image004[5]

 

L’automobbile e er Somaro
– Rottadecollo! – disse un Somarello
ner vede un Automobbile a benzina
– Indove passi tu nasce un macello!
Hai sbudellato un cane, una gallina,
un porco, un’oca, un pollo […]
– Nun fiottà tanto, faccia d’impunito!
– rispose inviperita l’Automobbile – […]
Nun sai che quann’io corro ciò la forza
de cento e più cavalli? E che te credi
che chi vó fa’ cariera se fa scrupolo
de quelli che se trova fra li piedi?
lo corro e me n’infischio [ ]
E ner di”ste parole l’Automobbile
ce mise drento tanto mai calore
che er motore, infocato, je scoppiò.
Allora cambiò tono. Dice: – E mó?
Chi me rimorchierà fino ar deposito?
Amico mio, tu capiti a proposito,
tu solo poi sarvà la situazzione…
Vengo, – je disse-er Ciuccio –
e me consolo che cento e più
cavalli a l’occasione
hanno bisogno d’un Somaro solo!
clip_image004[6]
Le penne d’Oca

 

Un’Oca, dispiacente
perché la gente la trattava male,
se lagnò con un Ciuccio,
un Somarello piuttosto attempatello.
– A sentì l’omo, l’Oca è l’animale
più stupido, più scemo, più imbecille;
nun s’aricorda che le poesie
de Dante, Ariosto, Tasso e d’antri mille
so’ uscite tutte da le penne mie?
– Percui – disse er somaro – è ‘na fortuna
d’avè in mano un ucello accusi raro!
Famme er piacere, imprestame ‘na penna,
perché, per quanto poco me intenna,
chi lo sa che pur’io non ciarieschi
a fanne quarchiduna?
E je le strappò tutte,
una per una, pe’scrlve li –
sonetti romaneschi.~.
clip_image004[7]
Musica

 

Un Somaro monarchico italiano disse a un
Ciuccio francese: – Felice te, che sei repubbricano
lo, invece, devo sta’ sotto a un padrone
che me se succhia er sangue e che me carica
la groppa co’ le palle de cannone!
Propio nu’ je la fo, caro compagno!
Er peso è troppo forte in proporzione
de li torzi de broccolo che magno!
Spessissimo succede che me lagno,
ma quello se ne buggera e me sona
l’Inno reale mentre me bastona…
– Tutto er monno è paese:
– disse er Ciuccio francese
– defatti puro el mio
fa tale e quale,
ma invece de sonà l’Inno reale
canta la Marsijese
clip_image015

 

La modestia dar Somaro

 

– Quello che te fa danno è la modestia:
– disse un Cavallo a un Ciuccio – ecco perché
nun sei riuscito a diventà una bestia
nobbile e generosa come me!
-Er Ciuccio disse: – Stupido che sei!
S’io ciavevo davero l’ambizzione
de fa’ carriera, a ‘st’ora già sarei
Ministro de la Pubbrica Istruzzione!