Archivi tag: vegliardo

Arthur Rimbaud – Rimembranze del vegliardo idiota

Arthur Rimbaud
Rimembranze del vegliardo idiota

Perdono, babbo !
Giovane, alle feste campestri,
Fuggivo il tiro a segno banale e generoso,
Ma non quei luoghi urlanti dove i ciuchi, dai fianchi
Spossati, dispiegavano il lungo tubo rosso
Che ancora non capisco!…

E poi la madre mia,
La cui camicia aveva un sentore amarognolo
Benché sgualcita in basso e gialla come un frutto,
Mia madre che saliva nel letto con un suono
— Ma figlio del lavoro, — mia madre, con la coscia
Di donna anziana e le anche massicce dove i panni
S’increspano, mi diede calori che si tacciono.

Ma più cruda vergogna e più calma, era quando
La mia sorella piccola, di ritorno da scuola,
Dopo aver consumato gli zoccoli sul ghiaccio,
Pisciava ed osservava sfuggir da quel suo labbro
Sottano, stretto e rosa, un rivolo d’orina…!

Oh, perdono!
Pensavo talvolta al mio papà:
La sera, il giuoco a carte, le frasi libertine,
Il vicino, ed il bimbo scacciato, cose viste…
— Sì, un padre può turbare! — e cose immaginate !…
Quel ginocchio che spesso mi blandiva, le brache
Che il mio dito voleva aprire alla fessura…
Per aver la capocchia nera e dura del babbo,
No ! —, la cui man villosa mi cullava!…

Non dico
Del vaso, piatto a manico intravisto in solaio,
Degli album foderati di rosso, della cesta
Di filacce, e la Bibbia, e quel posto, e la serva,
Maria, il crocifisso…

Oh! mai nessuno fu
Così frequentemente turbato, quasi attonito!
F che adesso il perdono mi venga accordato:
Poiché i sensi mefitici mi hanno avuto lor vittima,
Mi confesso svelando quei giovani misfatti!..
.
E poi! — mi sia permesso parlare al mio Signore!
Perché la pubertà tardiva e la sventura
bel mio glande tenace e troppo consultato?
Perché l’ombra sì lenta al basso ventre? e i folti
Terrori che coprivano sempre la gioia, simili
A ghiaia nera? Io, fui sempre stupefatto!
Che sapere?
Scusato?…
Riprendi il reggi piedi
Azzurro, babbo mio
Oh, infanzia mia ! — su,
tiriamoci la coda!