Archivi tag: uomini

Canti Popolari di Guerra [Ehi, uomini!]

Canti Popolari di Guerra
[Ehi, uomini!]

,Si combatte a Kala Mamu,
tra le colline.
Nel clan dei Butan,
già si sente il fucile
di Kafir Bekhar.
Kafir Bekhar l’ha giurato:
non sposterò un solo piede
finché non arrivano i rinforzi da Shar Malian,
gli amici, quelli dai turbanti neri.
Colpi e grida,
guerra di. uomini,
clangore di spade,
crepitare di Mauser,
salve di Ainali.
Ehi, ragazzi, voi cuccioli,
piazzate un buon colpo,
non abbandonate il campo.
La fuga esiste,
ma la fuga è fatta per le vecchie donne.
Verso sera la battaglia si fa dura.
Ehi, uomini!
Si combatte a Kala Mamu,
nei giardini.
Nel clan dei Kharran
già si sente il fucile
di Kafir Bekhar.
Kafir Bekhar l’ha giurato:
non sposterò un solo piede
finché non arrivano i rinforzi da Shar Malian,
quelli del mio amico Scheikh-Hamzo.

secolo XX

Magda Isanos. – Ho visto anch’io uomini partire

Magda Isanos.
Ho visto anch’io uomini partire

Ho visto anch’io uomini partire
per la guerra.
Giovani figli della terra,
laceri, su treni merci, andavano a morire,
cantando canzoni monotone e tristi.
Erano tanti da oscurare
la chiarità estivale.
E non sono tornati. Grano e segale
hanno buttato, in Russia, i loro corpi.

Intanto, al loro paese,
passeggiava tronfia nelle città
la sfrontatezza, l’iniquità. Loro neppure sapevano
per chi morivano.
Erano popolo, soltanto.
Uomini cresciuti come le piante,
in semplicità, con la terra accanto.

Signore,
dove sono i loro occhi? Le tante
braccia piene di obbedienza e di lena?
Chi li comandava si è preso pena
di numerare le croci e gli storpi?
Se soffia il vento, mi pare di udire
canzoni, moltitudini di piedi
che marciano in cadenza. I babbei,
morti in Russia, tornano alla loro terra
per giudicare te, grugno di porco,
pescecane di guerra!

Fai bene a tremare. Non è sfizio.
È il giorno del giudizio!

Samih el kassem – A tutti gli uomini raffinati delle Nazioni Unite

Samih el kassem
A tutti gli uomini raffinati delle Nazioni Unite
Signori d`ogni paese!
A che servono in questi tempi
Le cravatte a mezzogiorno…e le accese discussioni?
S ignori d`ogni paese!
Il muschio che mi e` cresciuto nel cuore
Ha coperto tutte le pareti di vetro.
A che cosa potrebbero servire in questi tempi
Le infinite riunioni,
gli importanti discorsi,
le spie,
le parole delle prostitute…
e le discussioni?
Signori!
Lasciatemi girare come desidera la scimmia di luna,
e venite qua…
nel mondo ho perduto I ponti.
Ho il sangue giallo
Ed ll cuore distrutto dal fango dei voti.
Signori d`ogni paese!
Che la mia vergogna sia una peste,
e un serpente il mio dolore!
O scarpe nere e lucide di ogni terra!
La mia ira e` tanto piu` forte della mia voce…
Ma l`epoca e` vigliacca,
ed io son senza mani!

Samih al-Qasim – A tutti gli uomini raffinati delle Nazioni Unite

Samih al-Qasim

A tutti gli uomini raffinati delle Nazioni Unite

Signori d’ogni paese!
A che servono in questi tempi
Le cravatte a mezzogiorno?
Signori d’ogni paese!
Il muschio che mi è cresciuto nel cuore
Ha coperto tutte le "pareti di vetro".
A che potrebbero servire in questi tempi
Le infinite riunioni,
gli importanti discorsi,
le spie,
le parole delle prostitute…
e le discussioni? […]
Signori d’ogni paese!
Che la mia vergogna sia una peste
e un serpente il mio dolore
O scarpe nere e lucide di ogni terra!
La mia ira è tanto più forte della mia voce…
io senza mani!