Archivi tag: spagna

Nicola Jonkov Vapzarov – Spagna cosa eri tu per me

clip_image002
Nicola Jonkov Vapzarov
(Bulgaria)
SpagnaCos’eri tu per me?
Solo un paese sperduto di cavalieri e altipiani.
Cos’eri tu per me?
Solo il fuoco di un amore crudele e selvaggio
che s’inebria di sangue e di coltelli
balenanti, di canzoni e di chitarre,
di passione, di gelosia e di salmi.
*
Ma ora tu per me sei la sorte,
per me sei il destino.
Senza esitare anch’io prendo parte
alla tua lotta per la libertà.
*
Ora ardo e mi rallegro
per ogni successo della tua lotta
e credo nella tua giovane forza,
in essa ho trasfuso anche la mia.
*
Ora mi batto sino alla vittoria
accovacciato nei nidi di mitragliatrice,
per le vie di Toledo
*o sotto le mura di Madrid.
*
Un operaio in tuta blu
mi giace colpito accanto
e sotto il berretto abbassato
scorre, scorre il suo sangue.
*
E sangue mio quello,
che mi scorre impetuoso nelle vene
e io conosco questo amico
delle fonderie di Lancaster:
*
laggiú noi due, con la pala,
abbiamo lavorato alla stessa caldaia
e non c’era muro
che frenasse i nostri giovanili desideri…
*
Dormi, amico, dormi sereno
sotto la bandiera insanguinata.
Il tuo sangue è entrato nel mio sangue
E adesso penetra in tutta la terra.
*
Questo sangue ora scorre
nelle officine, di città in città,
gita, sommuove, trascina
i villaggi in una marcia comune
*
di tenace speranza,
di coraggio e di lavoro,
di dura fatalità,
di libertà che è sangue.
*
E questo sangue innalza barricate,
versa ardimento nelle vene,
urla di gioia furente:
Nostra è Madrid,.Madrid è nostra!
*
E’ nostra la terra. Non temere, compagno:
ogni più piccola parte è nostra.
Sotto il cielo meridionale
dormi e credi: credi in noi!

Manuel Altolaguirre – Campo devastato dalla guerra

clip_image002

Manuel Altolaguirre
Campo devastato dalla guerra
Dove le memorie, se sei rimasto come un deserto oblio, tu che fosti giardino o bosco, oh campo di battaglia?
Se occhi ti videro, e serbarono di tua morte e rovina l’immagine, ne spargano il ricordo sulle terre: sangue, metallo e fuoco mescolati.
Teatro di morte ormai dannato a non godere altre primavere almeno metti in scena l’agonia di tanta gioventú sacrificata.
Fanti e drappelli di cavalleria come nubi di sangue oltraggiate tra il cielo e la terra si dividono perché splenda il sole della vittoria.
Non sono piú. La luce che difesero illumina appena le braci spente Wnn temporale, eterno, devastato.
Morte, oblio di morte, senza un albero, deserta la pianura, chiaro il cielo, sterile il sole brilla come il pianto e il petto della terra non respira.
Memoria: traccia in aria le figure di tutti gli infiammati combattenti e si combattano le antiche fronde di quel ricordo in cosí grande oblio.

Stephen Spender spender,u ( Inghilterra) Regum ultima ratio

clip_image002
Stephen Spender
( Inghilterra)
Regum ultima ratio
I fucili scandiscono l’ultima ragione del denaro
in lettere di piombo sulla collina in primavera.
Ma il ragazzo che giace morto sotto gli ulivi
era troppo giovane, troppo insulso
per esser degno d’uno sguardo del loro occhio importante.
Quello era un bersaglio più adatto ad un bacio.
*
Quand’era vivo le alte sirene delle fabbriche non lo
[chiamavano,
né le porte di cristallo dei ristoranti giravano per
[invitarlo ad entrare;
e il suo nome non era mai comparso sui giornali.
Intorno ai morti, con l’oro sprofondato come in un pozzo,
il mondo conservava un muro tradizionale,
e intanto la sua vita scivolava via, intangibile come
[il suono.
*
Oh, con troppa leggerezza si strappò il berretto
un giorno che la brezza strappava petali dagli alberi.
Il muro sfiorito germogliò di fucili;
la rabbia della mitragliatrice falciò le erbe;
bandiere e foglie caddero dalle mani e dai rami;
il berretto di lana imputridí fra le ortiche.
*
Giudicate la sua vita, che non aveva valore,
in termini d’impiego, di registri d’albergo, d’archivi di
[notizie.
Giudicate voi: solo un proiettile su diecimila uccide
[un uomo.
Chiedetevi allora: era giustificata tanta spesa
per la morte d’un essere cosi giovane e insulso,
disteso sotto gli ulivi, oh mondo, oh morte?

Angela Figuera Aymerich , (Spagna) – Il grido inutile

Angela Figuera Aymerich
(Spagna)
Il grido inutile
Quanto vale una donna? A che serve una donna
che vive in solo grido?
*
Che può fare una donna nella piena
che molti superuomini sommerge
e che va sbriciolando tante fronti
alzate come dighe orgogliose
quando lente fluivano le acque?
*
E io, con questi piedi di argilla,
girando le province del peccato,
salendo per le dune, scivolando
fatalmente a causa dei problemi?
*
Che posso fare io, incredula, bisognosa,
solo con questo canto, ostinata
a limare, a far ardere la bocca?
*
Che posso fare persa nel silenzio
di Dio, separata dagli uomini,
gravida ormai di morte mia soltanto,
in un’attesa, languida e gravosa,
mentre tenace edifico i miei versi
con calcina di lacrime e salnitro?
*
Rendetemi lo svago, quella quiete
in cui potevo andare per sentieri
a pascolare i sogni come agnelli.
Rivoglio l’usignolo della selva.
Il volo di quel cigno per il lago
sotto l’argento azzurro della luna.
Riportatemi al passo moderato,
al topico dolcissimo e sedante
di un verso con timone e cortesia
dove cantare come i ricci d’oro
favoriscono il passero e la rosa
poiché ciò, alla fine, a nulla impegna
e sempre suona bene ed è carino.
*
Ma tutto è vano, amici, ci han tagliato
la ritirata in sicure basi.
*
Ormai son rotti i ponti,
i cammini confusi,
cieche le gallerie. Non sappiamo
per certo se avanziamo o fuggiamo
lasciando dietro noi terra bruciata.
*
E io domando, qui sola nel guado
di un fiume d’acque torbide e crudeli,
che può fare una donna, a che serve
una donna che grida in mezzo ai morti?

Pablo Neruda ( Cile ) Madrid 1936

clip_image002

Pablo Neruda
( Cile )
Madrid 1936

Madrid sola e solenne, Luglio t’ha sorpresa
nel pieno della tua allegria di povero alveare:
chiara era la tua strada,
chiaro il tuo sogno.
*
Un nero rancore
di generali, un’onda
di rabbiose sottane
ha franto alle tue ginocchia
le sue acque pantanose, i suoi fiumi di spurgo.
*
Con gli occhi feriti ancora di sogno,
con fucili e pietre, Madrid, con piaga aperta,
ti sei difesa. Correvi
per le vie
depositando stelle del tuo santo sangue,
chiamando a raccolta con una voce d’oceano,
con un viso per sempre mutato
dalla luce del sangue, come una montagna
vendicatrice, come una sibilante
stella di coltelli.
*
Quando nei tenebrosi accampamenti, quando nelle sacrestie
del tradimento penetrò la tua spada in fiamme,
non ci fu che silenzio d’aurora, non ci fu
che il tuo passo di bandiere,
e una gloriosa goccia di sangue sul tuo sorriso.

Il’ja Erenburg (URSS) Cinematografo

clip_image002
Il’ja Erenburg
(URSS)
Cinematografo
In un misero borgo di Castiglia,
dove erano soltanto pietre e guerra,
quella notte fu stridula e rovente,
da sbalordire.
In lontananza come una bufera
rimbombava l’artiglieria.
Gli occhi s’aggrappavano ai fucili,
e la mitragliatrice picchiava sulle tempie.
Ma in una chiesa — che stramberia —
ci proiettavano un film.
In mezzo aì santi del barocco
tremolava una macchina smagliante.
Annuvolati e saldi come pietre,
tacevano qui inquieti combattenti.
D’un tratto tintinnarono gagliardi
i sonagli d’una trojka russa,
ed estenuandomi con il ricordo,
facendosi largo fra i santi,
sul muro infuriava Capaev,
convocando i vivi e gli scomparsi.
Quanta forza c’è in quello che si perde!
Come i giorni trapassano negli anni!
Sì dibatte per la fulva sierra
l’ombra gigantesca dì Capaev.
Terra mia, sei piú larga della terra,
paese mio, sei uscito dal paese,
sei diventato aria, e per il mondo
ti respirano i figli del valore.
Ma tu per me sin dalla culla
sei mia terra, contrada natia,
ed io so come odorano gli abeti
di cui era amico Capaev.

Frantisele Halas – Cecoslovacchia – Mirate

clip_image002

Frantisele Halas
(Cecoslovacchia)
Mirate

Mirate mirate bene
con un amore che annienta
mirate mirate bene
*
Nella corrida della morte
le sanguisughe degli ultimi anéliti
il miserere d’un rantolo
echeggia nel nero silenzio
*
Sotto lo zenit dell’Apocalisse
spumeggia nei pozzi l’eternità
corpi straziati
biasimo per i vivi
*
L’ombra degli scoppi impiaga la tua effigie luna
chiaroveggente guida per il sogno
ora non soffri piú morto Unamuno
e i caduti l’eternità sotto l’ala
*
entrano in cielo
per l’ossario del campo di battaglia
col diamante della fede incidono
ignoti nomi
nelle tenebre dei poveri
*
Ondeggiano ì biodi dei fronti
e Madrid con le ali fiammeggianti
disperde l’angoscia dei giusti
Gli anelli di rame delle granate
fidanzano i bambini con la morte
*
Mirate mirate bene
con un amore che aumenta
mirate mirate bene