Archivi tag: politico

Mongane Wally Serate – Il prigioniero politico

Mongane Wally Serate Il prigioniero politico
Avevo voglia di parlare
e dire con parole così numerose quanto granelli di sabbia,
L’altro lato della fortezza di pietra.
*
Avevo trovato una vedova che viaggiava
passando oltre i prigionieri con della legna da ardere
Questa è la donna che mi ha impedito di dormire
Che mi aveva colmato di sogni.
*
Il sogno è sempre lo stesso;
Gira su un ancora sin a quando trova un posto dove fissarsi:
tesse la sua rete di ragno con le ore.
*
Un bel giorno qualcuno arriva ed apre il portone
Il sole fa esplodere il suo fuoco
Disseminando le sue fiamme sulla terra,
toccando la sorgente dell’umanità.
*
Dietro di noi, vi sono montagne
Dove la vedova è abbandonata.
Lì ella rimane incapace di partorire

Claudio Lolli – Prigioniero politico

Claudio Lolli
Prigioniero politico

Non discutere più di niente
E i biglietti sono già pagati
E le valigie chiuse da qualche parte
Con quegli stracci dimenticati
Con quella vita da dimenticare
Persa nel sole di quel povero mare
E pensare che ci avevo creduto
Io il solo che parla in un film muto
Meno importa se è un gioco di carte
Oppure racconto fantascientifico
Ma in questo mondo io sono un prigioniero politico
E pensa alle strade, risonanze gli autobus fermi il futuro meccanico
Pensaci nuda quando piangevi solo davanti a un mio ciao malinconico
E pensaci insieme nel caldo del tempo
Stretti negli occhi e risate magnifiche
Pensaci li tra la Russia e l’America
La gioventù che pescava i suoi numeri
E non importa la luce negli anni
Nella bellezza di un sorriso equivoco
Ma nei tuoi occhi ero un prigioniero politico
*
E poi la storia mangia ossi di seppia
E poi gli. Che recitano nel seminterrato
Ma anche lei ha bisogno di nebbia
E soprattutto di riprendere fiato
E la vecchiaia è una tassa impagabile
E la poesia la accompagna lontano
Poi sorelle camminano sempre
E le sorelle di danno la mano
Ma non è chiaro se verso il futuro o se è il passato che si finge pacifico
Ma a questo punto mi dichiaro un prigioniero politico
Ma un prigioniero di non so che cosa
Certamente di vestiti macchiati
E serenate a qualche bancone
Mandolini non troppo accordati
E Paesaggi vissuti di fretta
Senza coglierne neanche il profilo
Nelle mani non ritrovo più il filo
E te ne vai insieme alla motocicletta
Quello che c’è in vacanza in America sotto un cielo magnifico
Come il tuo amore in cui sono stato un prigioniero politico

Bob Dylan – Mondo politico

Bob Dylan

Mondo politico

Viviamo in un mondo politico
l’amore non ha più alcun posto
viviamo in tempi nei quali gli uomini commettono crimini
e il crimine non ha un volto.

*
Viviamo in un mondo politico
ghiaccioli che si sciolgono,
le campane nuziali suonano e gli angeli cantano
e nuvole coprono la terra.

*
Viviamo in un mondo politico
la saggezza e’ sbattuta in prigione
marcisce in una cella e viene fuorviata come dal diavolo
senza lasciare nessuno che ne segua le orme.

*
Viviamo in un mondo politico
dove la pietà cammina su di un’asse
la vita e’ negli specchi, la morte scompare
sui gradini della banca più vicina.

*
Viviamo in un mondo politico
dove il coraggio e’ una cosa del passato
la case sono infestate, i bambini non sono voluti
il prossimo giorno potrebbe essere l’ultimo.

*
Viviamo in un mondo politico
l’unico che possiamo vedere e sentire
ma non c’è nessuno a controllare, è tutto un ponte incasinato
e tutti sappiamo per certo che è reale.

*
Viviamo in un mondo politico
nelle città della paura solitaria
poco a poco vai nel mezzo
ma non sai sicuramente perché sei qui.

*
Viviamo in un mondo politico
sotto il microscopio
puoi viaggiare ovunque e sistemarti là
ma avrai sempre corda a sufficienza.

*
Viviamo in un mondo politico
che ruota e si agita
non appena ti svegli sei portato a prendere
quella che sembra la migliore via di uscita.

*
Viviamo in un mondo politico
dove la pace non e’ affatto la benvenuta
e’ gettata fuori dalla porta condannata a vagare ancora
o scagliata contro il muro.

*
Viviamo in un mondo politico
tutto è di lei o di lui
risali la china e gridi il nome di Dio
ma non sei nemmeno sicuro di quale sia.