Archivi tag: poesi

Walt Whitman – La poesia salverà il mondo

Walt Whitman
La poesia salverà il mondo

Il mondo sottomarino,
Foreste al fondo del mare, i rami, le foglie,
Ulve, ampi licheni, strani fiori e sementi,
folte macchie, radure, prati rosa,
Variegati colori, pallido grigio verde,
porpora, bianco e oro, la luce vi scherza
fendendo le acque
Esseri muti nuotan laggiù tra le rocce,
il corallo, il glutine, l’erba, i giunchi,
e l’alimento dei nuotatori
Esseri torpidi brucan fluttuando laggiù,
o arrancano lenti sul fondo,
Il capodoglio affiora a emetter lo sbuffo
d’aria e vapore, o scherza con la
sua coda,
Lo squalo dall’occhio di piombo,
il tricheco, la testuggine, il peloso
leopardo marino, la razza,
E passioni, guerre, inseguimenti, tribù,
affondare lo sguardo in quei fondi
marini, respirando quell’aria così
densa che tanti respirano,
Il cambiamento, volgendo lo sguardo qui
o all’aria sottile respirata da esseri che
al pari di noi su questa sfera
camminano,
Il cambiamento più oltre, dal nostro
mondo passando a quello di esseri
che in altre sfere camminano

Pier Paolo Pasolini – Profezia

Pier Paolo Pasolini

 

Profezia

 

A Jean Paul Sartre, che mi ha raccontato
la storia di Alì dagli Occhi Azzurri

 

Alì dagli Occhi Azzurri
uno dei tanti figli di figli,
scenderà da Algeri, su navi
a vela e a remi. Saranno
con lui migliaia di uomini
coi corpicini e gli occhi
di poveri cani dei padri
sulle barche varate nei Regni della Fame. Porteranno con sé i bambini,
e il pane e il formaggio, nelle carte gialle del Lunedì di Pasqua.
Porteranno le nonne e gli asini, sulle triremi rubate ai porti coloniali.
Sbarcheranno a Crotone o a Palmi,
a milioni, vestiti di stracci,
asiatici, e di camice americane.
Subito i Calabresi diranno,
come malandrini a malandrini:
“Ecco i vecchi fratelli,
coi figli e il pane e formaggio!”
Da Crotone o Palmi saliranno
a Napoli, e da lì a Barcellona,
a Salonicco e a Marsiglia,
nelle Città della Malavita.
Anime e angeli, topi e pidocchi,
col germe della Storia Antica,
voleranno davanti alle willaye.

 

Essi sempre umili
Essi sempre deboli
essi sempre timidi
essi sempre infimi
essi sempre colpevoli
essi sempre sudditi
essi sempre piccoli,
essi che non vollero mai sapere, essi che ebbero occhi solo per implorare,
essi che vissero come assassini sotto terra, essi che vissero come banditi
in fondo al mare, essi che vissero come pazzi in mezzo al cielo,
essi che si costruirono
leggi fuori dalla legge,
essi che si adattarono
a un mondo sotto il mondo
essi che credettero
in un Dio servo di Dio,
essi che cantavano
ai massacri dei re,
essi che ballavano
alle guerre borghesi,
essi che pregavano
alle lotte operaie…

 

… deponendo l’onestà
delle religioni contadine,
dimenticando l’onore
della malavita,
tradendo il candore
dei popoli barbari,
dietro ai loro Alì
dagli occhi azzurri — usciranno da sotto la terra per uccidere —
usciranno dal fondo del mare per aggredire — scenderanno
dall’alto del cielo per derubare — e prima di giungere a Parigi
per insegnare la gioia di vivere,
prima di giungere a Londra
per insegnare ad essere liberi,
prima di giungere a New York,
per insegnare come si è fratelli
— distruggeranno Roma
e sulle sue rovine
deporranno il germe
della Storia Antica.
Poi col Papa e ogni sacramento
andranno su come zingari
verso nord-ovest
con le bandiere rosse
di Trotzky al vento..

Carolus L. Cergoly Bandito

Carolus L. Cergoly

Bandito
Al comando portà

in cadene ligà
rosso fazzoletto garibaldin
intorno al colo
boia assassin
quatro giorni
i lo ga torturà
"Parla bandito – bandito parla"
bocca serada
muto da sempre
povere man
senza ongie pianzeva
sbregado
in cella ributà
Drio giorno morto
lo ga trovà
viso sorridente – viva la libertà
bocca rossa
fazzoletto al collo
nudo el xe sta interà
el suo nome "bandito"…e
un cartelon sul petto
"benzina sabotò alla Decima M.A.S."
O bella ciao o bella ciao
viva la libertà

George Trakl – Umanità

Geroge Trakl

Umanità

Umanità schierata avanti a bocche di fuoco,

un rullo di tamburi, visi scuri, accigliati,

passi in nebbia sanguigna, ferro nero tuona,

disperazione e notti di sconsolati cervelli.

Qui l’ombra di Eva, qui la caccia e il fulvo denaro.

Nembo dalla luce attraversato, la Cena.

Un tenero silenzio attornia il pane e il vino,

e quelli sono in dodici raccolti a mensa.

Gridano in sonno a notte sotto i rami d’olivo,

San Tommaso immerge la mano nella piaga