Archivi tag: notte.

Osip Mandel’štam – Mi lavavo di notte nel cortile

Osip Mandel’štam

Mi lavavo di notte nel cortile

Mi lavavo di notte nel cortile;
il firmamento splendeva di rozze stelle.
Il loro raggio – è sale sulla scure,
la botte, colma fino all’orlo, gela.

Il portone è chiuso a chiave,
la terra è severa secondo coscienza.
Non troverai trama di verità più pura
che in una tela fresca di bucato.

Nella botte si scioglie, come sale, una stella
e l’acqua gelata è più nera,
più pulita la morte, più salata la sventura,
più sincera e terribile la terra.

Czestaw Milosz – Salda notte…

Czestaw Milosz

Salda notte…

Salda notte. Non sfiorerà il tuo volto
né fuoco di labbra, né ombra furtiva.
Nelle tenebre del sogno t’ascolto
e splendi così, come giorno che arriva.

Tu sei la notte. E amandoti la mia mente
ha previsto il destino e i futuri lutti.
Fuggi il volgo, e la gloria verrà rasente
e annegherà la musica nei flutti.

Forti son gli ostili, e il mondo è troppo stretto
e tu, o amata, fedele gli resti.
Di sambuco sull’acqua un rametto,
spinto dal vento da ignote foreste.

C’è tanto senno, e non femminea clemenza
nelle tue fragili mani, o Peritura.
Sulla fronte lo splendore della scienza:
luna nascosta, non ancora matura.

(1934)

G.B.Marino – La notte

G.B.Marino

La notte

Tace la notte intorno a me solenne
le ore vanno e sfilan le memorie
siccome un nero e funebre convoglio.
*
Del cielo nelle oscurità remote
nell’ombra amica che con man soave
le grevi forme della chiesa lambe,
nell’ombra amica che gl’uomini culla
col lento canto della pace eterna
vedo di forme strane scatenarsi
una ridda veloce e affascinante
vedo la mente umana abbacinata
chinar la fronte…
*
Ma il mio pensiero innalzasi sdegnoso
e squarcia il manto della notte bruna
libero, e vola, –
vola alla luce pura trionfante
vola al sole del vero, dove i forti
stan combattendo l’immortale agone
cinti le terapie d’agili corone,
vola esultante.

Salvatore De Giacomo – Palomma ‘e notte

clip_image002

Salvatore De Giacomo
Palomma ‘e notte
I
Tiene mente ‘sta palomma
comme gira comm’a vota,
comme torna n’ata vota
‘sta ceroggena a tentà!
Palummè, chisto è nu lume
nun è rosa o giersumino…
e tu a fforza ccà vvicino
te vuò mettere a vulà!

Ritornello:
Vattenne ‘ a lloco!
Vattenne, pazzarella!
Va’, palummella – e torna,
e torna a st’aria
accussì fresca e bella!…
O bbì ca ‘i pure
mm’abbaglio chianu chiano,
e cca mm’abbruscio ‘a mano
pe’ te ne vulè caccia?…

II
Carulì, pe’ nu capriccio,
tu vuò fa’ scuntento a n’ato,
e po’ quanno l’he lassato
tu addu n’ato vuò vulà.
Troppe core stai strignenno
cu’ sti mmne piccerelle;
ma fernisce ca sti scelle
pure tu te può abbruscià!

Ritornello

III
Torna, va’ palomma ‘e notte
dint’a ll’ombra addò sì’ nata,
torna a st’aria ‘mbarzamata
ca te sape cunzulà.
Dint’o scuro, e pe ‘mme sulo,
‘sta cannela arde e se struie …
ma c’ardesse a tutt’e duie
nun ‘o ppozzo suppurtà!

Rocco Scotellaro – A me questa notte

Rocco Scotellaro
A me questa notte

A me questa notte
non darà pace:
sono stato scontroso con gli uomini,
sono giù di morale,
il cuore mulinato da rimorsi.
La lampada spesso si smorza.
Fiocca nei vicoli sugli stracci,
la campagna sola.
Vento fila nei baratri
delle lunghe stradette.
Giù nella Rabata,
chiuse le stentate
porte dei sottani,
e non verranno.
Non verranno i compagni
sotto alla finestra
a suonarmi la canzone di rampogna
questa notte
violenta di Carnevale.
Tricarico, febbraio 1944

Carlo Michelstaedter – La notte

Carlo Michelstaedter
La notte
Tace la notte intorno a me solenne
le ore vanno e sfilan le memorie
siccome un nero e funebre convoglio.
*
Del cielo nelle oscurità remote
nell’ombra amica che con man soave
le grevi forme della chiesa lambe,
nell’ombra amica che gl’uomini culla
col lento canto della pace eterna
vedo di forme strane scatenarsi
una ridda veloce e affascinante
vedo la mente umana abbacinata
chinar la fronte…
*
Ma il mio pensiero innalzasi sdegnoso
e squarcia il manto della notte bruna
libero, e vola, –
vola alla luce pura trionfante
vola al sole del vero, dove i forti
stan combattendo l’immortale agone
cinti le terapie d’agili corone,
vola esultante.

Costantinos Kavafis. – Una notte

Costantinos Kavafis.
Una notte

Era volgare e squallida la stanza,
nascosta sull’equivoca taverna.
Dalla finestra si scorgeva il vicolo,
angusto e lercio. Di là sotto voci
salivano, frastuono d’operai
che giocavano a carte: erano allegri.
E là, sul vile, miserabile giaciglio,
ebbi il corpo d’amore, ebbi la bocca
voluttuosa, la rosata bocca
ditale ebbrezza, ch’io mi sento ancora,
mentre che scrivo (dopo sì gran tempo!),
nella casa solinga inebriare.