Archivi tag: carità

Trilussa – Carità cristiana

Trilussa

Carità cristiana

Er Chirichetto d’una sacrestia
sfasciò l’ombrello su la groppa a un gatto
pe’ castigallo d’una porcheria.
– Che fai? – je strillò er Prete ner vedello

– Ce vò un coraccio nero come er tuo
pe’ menaje in quer modo… Poverello!…
– Che? – fece er Chirichetto – er gatto è suo? –
Er Prete disse: – No… ma è mio l’ombrello!-

La tartaruga

Mentre una notte se n’annava a spasso,
la vecchia tartaruga fece er passo più lungo
de la gamba e cascò giù
cò la casa vortata sottoinsù.

Un rospo je strillò: "Scema che sei!
Queste sò scappatelle che costeno la pelle…"
– lo so – rispose lei – ma prima de morì,
vedo le stelle.

Accidia

In un giardino, un vagabonno dorme
accucciato per terra, arinnicchiato,
che manco se distingueno le forme.

Passa una guardia: – spAlò! – dice – Cammina! –
Quello se smucchia e j’arionne: – Bravo! –
Me sveji propio a tempo! M’insognavo
che stavo a lavorà ne l’officina!

San Paolo di Tarso – Inno alla carità

 

San Paolo di Tarso
Inno alla carità

Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli,
ma non avessi la carità,
sarei un bronzo risonante o un cembalo che tintinna.
*
Se avessi il dono della profezia
e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza
e avessi tutta la fede in modo da spostare le montagne,
ma non avessi la carità,
non sarei nulla.
*
Se distribuissi tutti i miei beni per nutrire i poveri,
se dessi il mio corpo per essere arso,
e non avessi la carità,
non mi gioverebbe a nulla.
*
La carità è paziente,
è benigna la carità;
*
la carità non invidia, non si vanta,
non si gonfia, non manca di rispetto,
non cerca il proprio interesse, non si adira,
non tiene conto del male ricevuto,
ma si compiace della verità;
*
tutto tollera, tutto crede,
tutto spera, tutto sopporta.
*
La carità non verrà mai meno.
*
Le profezie scompariranno;
il dono delle lingue cesserà, la scienza svanirà;
conosciamo infatti imperfettamente,
e imperfettamente profetizziamo;
ma quando verrà la perfezione, sparirà ciò che è imperfetto.
*
Quando ero bambino, parlavo da bambino,
pensavo da bambino, ragionavo da bambino.
Da quando sono diventato uomo,
ho smesso le cose da bambino.
*
Adesso vediamo come in uno specchio, in modo oscuro;
ma allora vedremo faccia a faccia.
Ora conosco in parte, ma allora conoscerò perfettamente,
come perfettamente sono conosciuto.
*
Ora esistono queste tre cose: la fede, la speranza e la carità;
ma la più grande di esse è la carità.

Trilussa – Carità Cristiana

Trilussa

Carità Cristiana

Er Chirichetto d’una sacrestia
sfasciò l’ombrello su la groppa a un gatto
pe’ castigallo d’una porcheria.
— Che fai? — je strillò er Prete ner vedello —
Ce vô un coraccio nero come er tuo
pe’ menaje in quer modo… Poverello!… —
— Che? — fece er Chirichetto — er gatto è suo? —
Er Prete disse: — No… ma è mio l’ombrello!

G. Gobbo – Il grammofano della Banda Carità

Il grammofono della Banda Carità
 G. Gobbo

Sbufa i do fradei
pieni de sono
Carità vanta naltro disco
palasso Giusti sona che par na festa
El magiore xe elegante
no xe bon da star sentà
dindóna ‘e manete
e ghe va drio Francone, che ‘l se diverte

Drio dei scuri al fredo
i padovani ‘i sente rivar:
rompe a note carga de paura
do colpi fondi
Uno neta in tera
e st’altri speta el carcerier
stravacái su ‘a gran poltrona
‘i sa che desso toca na dona

Queo che i ciama el prete
se fa rente, la voe iutar
casta ea scorla a testa
ea brigata respira grosso, ‘desso
Sui zenoci sechi
sbrissa zo cotoia,e camison
ma banda xe deùsa,
ossi che trema xe ‘a partigiana nuda

po’coi brassi a picolon
la ride e forse la sogna
e quando ciama “mama mama mama”
un gran siensio se fa, dentro al salon

 

Il Boia è quello dietro il cane