Archivi tag: 1945

D. Buzzati – Aprile 1945

– D. Buzzati)
Aprile 1945
Ecco, la guerra è finita.
Si è fatto silenzio sull’Europa.
E sui mari intorno ricominciano di notte a navigare i lumi.
Dal letto dove sono disteso posso finalmente guardare le stelle.
Come siamo felici.
A metà del pranzo la mamma si è messa improvvisamente a piangere per la gioia,
nessuno era più capace di andare avanti a parlare.
Che da stasera la gente ricominci a essere buona?
Spari di gioia per le vie, finestre accese a sterminio,
tutti sono diventati pazzi, ridono, si abbracciano,
i più duri tipi dicono strane parole dimenticate.
Felicità su tutto il mondo è pace!
Infatti quante cose orribili passate per sempre.
Non udremo più misteriosi schianti nella notte
che gelano il sangue e al rombo ansimante dei motori
le case non saranno mai più cosi ‘ immobili e nere.
Non arriveranno più piccoli biglietti colorati con sentenze fatali,
Non più al davanzale per ore, mesi, anni, aspettando lui che ritorni.
Non più le Moire lanciate sul mondo a prendere uno
qua uno là senza preavviso, e sentirle perennemente nell’aria,
notte e dì, capricciose tiranne.
Non più, non più, ecco tutto;
Dio come siamo felici

Carlo Betocchi – Rovine 1945

Carlo Betocchi
Rovine 1945

Non è vero che hanno distrutto
le case, non è vero:
solo è vero in quel muro diruto
l’avanzarsi del cielo
*
a piene mani, a pieno petto,
dove ignoti sognarono,
o vivendo sognare credettero,
quelli che son spariti…
*
Ora spetta all’ombra spezzata
il gioco d’altri tempi,
sopra i muri, nell’alba assolata,
imitarne gli incerti…
*
e nel vuoto alla rondine che passa.

“25 Aprile 1945”

“25 Aprile 1945”

clip_image001

“Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l’occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Come a Genova e Torino, ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire”.

Dal discorso alla radio in cui Sandro Pertini proclama l’insurrezione generale a Milano. Era il 25 aprile 1945.

Anonimo – 6 Agosto 1945

Anonimo
6 Agosto 1945
Dio gridò
ma il suo urlo fu coperto
dal fragore immenso della Bomba.
Cristo gridò
vedendo occupare croci di fuoco
da tutti quei corpi  a brandelli.
La Madre gridò
mai tante anime erano salite
in cielo in un solo secondo.
L’ Umanità intera
rimase in silenzio era riuscita
ad annichilirli per ben due volte.

Molte di queste poesie sono tratte da una meravigliosa pubblicazione

“Poeti dell’Esilio” a cura di Maria Jatosti

stampato dalla “Grafica 891” Roma

Ernst Jandl 1944 1945

Ernst Jandl

1944 1945
1944
guerra
guerra
guerra
guerra
guerra
guerra
guerra
(segnalazione di una svolta)
1945
guerra
guerra
guerra
guerra
maggio