Trilussa – La cornacchia libberale

Trilussa

La cornacchia libberale

Una cornacchia nera come un tizzo,

nata e cresciuta drento ’na chiesola,

siccome je pijo lo schiribbizzo1

de fa’ la libberale e d’uscì sola,

s’infarinò le penne e scappò via

dar finestrino de la sacrestia.

Ammalappena se trovò per aria

coll’ale aperte in faccia a la natura,

sentì quant’era bella e necessaria

la vera libbertà senza tintura:

l’intese così bene che je venne

come un rimorso e se sgrullò2 le penne.

Naturarmente, doppo la sgrullata,

metà de la farina se n’’agnede,

ma la metà rimase appiccicata

come una prova de la malafede.

– Oh! – disse allora – mo’ l’ho fatta bella!

So’ bianca e nera come un purcinella…

– E se resti così farai furore:

– je disse un Merlo – forse te diranno

che sei l’ucello d’un conservatore,

ma nun te crede che te faccia danno:

la mezza tinta adesso va de moda

puro fra l’animali senza coda.

Oggi che la coscenza nazzionale

s’adatta a le finzioni de la vita,

oggi ch’er prete è mezzo libberale

e er libberale è mezzo gesuita,

se resti mezza bianca e mezza nera

vedrai che t’assicuri la cariera.

Annunci

I commenti sono chiusi.