Arthur Rimbraud – Chi dorme nella valle

clip_image002
Arthur Rimbraud
Chi dorme nella valle
E una verde radura dove canta un ruscello
Che appende pazzamente agli steli i suoi cenci
D’argento; il sole scende dalla montagna altiera
E luccica nel borro che spumeggia di raggi.
A bocca spalancata, a testa nuda, un giovane
Soldato, colla nuca nel nasturzio azzurrino,
Dorme; sotto le nubi è disteso nell’erba,
Bianco nel letto verde su cui piove la luce.
Ha i piedi nei gladioli. Dorme. Sorride com
e Sorriderebbe un bimbo che sta male.
Sonnecchia. Cullalo tu, Natura, col tuo calore: ha freddo.
1 profumi non fanno fremer le sue narici.
Egli dorme nel sole, con la mano sul petto
Calmo. Ha due fori rossi, a destra, sul costato.
Ottobre 1870.

I commenti sono chiusi.