Arthur Rimbaud – Prima serata

clip_image002

Arthur Rimbaud
Prima serata

La signorina era molto discinta;
Le grandi piante, senza discrezione,
Buttavano le chiome contro i vetri,
Maliziosette, vicino, vicino…
*
Stava seduta sul mio seggiolone,
E, mezza nuda, giungeva le mani.
Al suolo di piacer rabbrividivano
I suoi piedini leggeri, leggeri.
*
Guardavo un raggio, color della cera,
Muoversi come un piccol vagabondo
E sfarfallare sopra il suo sorriso
E sul suo seno, — mosca sul rosaio.
*
Baciai allora le caviglie fini.
Lei ebbe un dolce ridere brutale
Che si sgranava in un limpido trillo
, Come un chiaro tinnire di cristallo.
*
I suoi piedini sotto la camicia
Si rifugiaron: "Smettila, ti dico!"
La prima audacia era stata permessa,
– Ma ridendo fingeva di punire!
*
Io la baciai dolcemente sugli occhi
Che palpitavan timidi al mio labbro:
Ella ritrasse la sua testolina,
Ed esclamò: "Ma questo è ancora meglio!…
*
Ho da dirti qualcosa, Signorino…»
_Il resto glielo dissi sopra il seno
Con un bel bacio che la fece ridere
Di un riso generoso e ben disposto…
*
—La signorina era molto discinta;
Le grandi piante, senza discrezione,
Buttavano le chiome contro i vetri,
Maliziosette, vicino, vicino…

I commenti sono chiusi.