Mongane Wally Serate – Il prigioniero politico

Mongane Wally Serate Il prigioniero politico
Avevo voglia di parlare
e dire con parole così numerose quanto granelli di sabbia,
L’altro lato della fortezza di pietra.
*
Avevo trovato una vedova che viaggiava
passando oltre i prigionieri con della legna da ardere
Questa è la donna che mi ha impedito di dormire
Che mi aveva colmato di sogni.
*
Il sogno è sempre lo stesso;
Gira su un ancora sin a quando trova un posto dove fissarsi:
tesse la sua rete di ragno con le ore.
*
Un bel giorno qualcuno arriva ed apre il portone
Il sole fa esplodere il suo fuoco
Disseminando le sue fiamme sulla terra,
toccando la sorgente dell’umanità.
*
Dietro di noi, vi sono montagne
Dove la vedova è abbandonata.
Lì ella rimane incapace di partorire
Annunci

I commenti sono chiusi.