Bulat Okudzava – Canzone della fanteria

(Bulat Okudzava)

Canzone della fanteria

Scusate la fanteria,
se talvolta è così stolta:
sempre partiamo
quando sulla terra scoppia la primavera.
E con passo incerto
sulla scala che vacilla salvezza non c’è.
Solo salici bianchi
come bianche sorelle ti guardano andare
                *
Non credete al tempo,
quando riversa piogge protratte.
Non credete alla fanteria,
quando canta balde canzoni.
on credete, non credete,
quando negli orti gridano gli usignoli.
La vita e la morte
non hanno ancora saldato i conti.
                   *
A noi il tempo ha insegnato:
vivi come il bivacco, aperta la porta.
Compagno uomo,
è pur seducente la sorte tua:
tu sei sempre in marcia,
e solo una cosa ti strappa dal sonno.
Perché noi partiamo
quando sulla terra scoppia la primavera?

I commenti sono chiusi.